breaking news
  • 01/07/2022 08:05 #A2, Aquile Molfetta: ufficializzato il nuovo allenatore, è Giampiero Recchia

22/02/2022 20:46

Rossini, un primo gol due volte speciale: ''Dedicato alla mia famiglia''. Coppa: domani a Mestre

Il “tour de force” della Sampdoria continua. E che “tour de force”, con i blucerchiati di Cipolla che in questo periodo passano da un big-match all’altro senza soluzione di continuità. Sabato scorso la trasferta di Modena che ha regalato, grazie al 4-3 imposto agli emiliani, il primato nella classifica del girone A in coabitazione con quel Città di Mestre che la Sampdoria affronterà domani nella sfida secca del primo turno di Coppa Italia. E tanto per chiudere il discorso, sabato prossimo, a Campo Ligure salirà il Città di Massa.


Tra i giocatori di Cipolla ce n’è uno che ha vissuto a Modena un sabato ancor più speciale. Jonathan Rossini ha infatti scritto il suo nome sul tabellino, firmando la rete del 3-3. Il primo gol in A2 per l’ex giocatore della Samp di Serie A di calcio, diciamo anche un po' fortuito ma quando Jonathan ha visto la palla finire in rete ha provato una grande gioia. Un’emozione che ci racconta.


“Sicuramente sono felicissimo, sopratutto perché ne è valsa la pena, abbiamo portato a casa i tre punti che è l’unica cosa che conta. Fortuito si, però penso che ero messo nella posizione giusta nel momento giusto, come preparato tatticamente durante la settimana. Ci tenevo tanto a dedicare questo gol a mia moglie e ai miei figli che sono sempre stati i miei primi tifosi”.


- E' stata la rete del 3-3, poi a 2' dalla fine ha chiuso i conti Vega: il tuo è stato un gol importante perchè ha dato la giusta consapevolezza che si poteva arrivare a vincere la partita, condividi?


“Sono sincero: siamo stati sempre consapevoli di poter vincere la partita e l’aver segnato il gol del pareggio è una grande emozione. Ma sono sicuro che se non avessi segnato io la partita l’avremmo vinta lo stesso, perché abbiamo creato parecchie occasione e noi abbiamo giocatori di qualità che sanno come poter risolvere una partita”.


- Siete andati sotto 1-3 poi avete rimontato: cosa è successo dopo il gol di Foti e soprattutto cosa è scattato per compiere quella rimonta in casa di una squadra di grande livello come il Modena Cavezzo?


“Come ho detto prima, noi siamo sempre stati coscienti di poter vincere la partita e abbiamo anche dimostrato di essere una squadra matura perché, pur essendo sotto di due gol, non abbiamo mai perso il nostro stile di gioco e la nostra intensità. E’ nei momenti difficili che si vede il valore del giocatore e della squadra ed io sono onorato di far parte di questo gruppo, con valori sportivi e umani meravigliosi”.


- Infine, domani andate a Mestre per la Coppa Italia: a parte la sconfitta dell'andata in campionato, da voi avreste meritato di vincere. Sarà una partita secca: come andrà affrontata? Sei ottimista?


“Ti posso dire che l’affronteremo come abbiamo sempre cercato di fare in tutte le partite, con la massima intensità e concentrazione. A livello tattico il mister ha avuto due giorni per preparala, ma gli bastano e avanzano perché lui è un grande, in primis come uomo, e come allenatore non si discute: ti insegna il futsal e io lo ringrazio per tutta la sua voglia e pazienza nei miei riguardi, come ringrazio tutti i miei compagni. Sono sicuro che faremo una grande partita”.


CLICCA QUI PER GLI HIGHLIGHTS DI MODENA CAVEZZO-SAMPDORIA