breaking news
  • 28/11/2022 21:38 Serie B, girone G, il posticipo della 9ª giornata: New Taranto-Castellana 5-5 (pt 0-0)

04/10/2022 18:24

San Marino, in archivio una prima giornata con tantissimi gol: un solo pari, arriva nel big-match

Tanti i gol nella serata di debutto del Campionato Sammarinese di futsal 2022-23. Risultati netti nella maggior parte dei casi ed un solo pareggio, quello del big match di Fiorentino fra La Fiorita e Tre Fiori, le due formazioni che, nelle tre finali dell’anno solare, hanno tentato di impedire che la Folgore mettesse a segno il Triplete, senza riuscire nell’intento. Tornando al confronto tutto gialloblù di ieri sera, è il Tre Fiori a passare in vantaggio al 13’ del primo tempo con Mariotti, salvo essere recuperato dagli uomini di Davide Ghiotti all’alba della ripresa, grazie a Franciosi. Sullo stesso campo, nel match successivo, il Fiorentino mette a segno un roboante 8-1 ai danni del Cailungo, che è bravo a pareggiare, con Gamba, il primo vantaggio rossoblù a firma di Ercolani, ma poi non riesce a contenere il prepotente ritorno degli uomini di Michelotti, che prima si riportano in vantaggio con Busignani, e successivamente prendono il largo con le doppiette di Ceccoli e Gasperoni e con i centri di Moretti e Rossini. Un altro risultato estremamente rotondo arriva da Dogana, dove due delle formazioni locali, Cosmos e Folgore, danno vita ad un derby senza storia. I campioni di tutto archiviano abbondantemente la pratica già nel primo tempo, chiuso sul 7-1 per effetto delle doppiette di Pellegrini, Giardi e Chezzi, oltre all’acuto di Bernardi, mentre in casa Cosmos la rete che serve ad addolcire il parziale la mette a segno Iuliani. Nella ripresa il copione rimane invariato, anche se la Folgore è meno martellante in zona gol. Bernardi completa la sua serata con altre due reti, che gli valgono la tripletta, mentre il Cosmos chiude il tabellino di serata con il gol dell’ex a firma di Giacomo Guerra. A referto anche il gialloverde Guidi, non in qualità di marcatore ma di espulso: per lui rosso diretto al 45’.


Buona la prima del rifondato Murata, che liquida il San Giovanni nel secondo appuntamento di Dogana con un netto 5-1. Il primo vantaggio degli uomini di Palermino arriva immediatamente dopo il quarto d’ora, con Capicchioni. Lo stesso ex di serata si incarica del raddoppio dopo che il compagno Casadei aveva dato suo malgrado il pareggio al San Giovanni. Viene poi il momento di un altro ex, Camilloni, autore del tris, cui fa seguito la doppietta di Albani per il definitivo pokerissimo bianconero. Il San Giovanni, nella parte finale, perde anche il proprio portiere e capitano, Davide Agostini, espulso con un rosso diretto. L’altra formazione rifondata, il Tre Penne, inaugura la nuova avventura con un risultato di segno opposto. Il Domagnano si impone sui Biancazzurri per 3-0, risultato che matura interamente nel primo tempo, quando vanno a referto Lorenzo Bollini su punizione e poi Santarini, mentre la rete del raddoppio giallorosso matura per effetto di una sfortunata deviazione di Raschi. I Lupi avrebbero l’opportunità di incrementare il bottino nella ripresa, ma né il rigore di Cavalli, né il tiro libero di Manuel Bollini vanno a buon fine. Per un Domagnano a cui non riesce il poker, c’è invece una Virtus che raggiunge questo traguardo. È con il risultato di 4-0, infatti, che i Neroverdi liquidano la Libertas, colpita due volte per tempo. Apre i conti Sensoli e li chiude Michelotti; nel mezzo, la doppietta di Paolo Casadei. Termina invece con un vibrante 3-4 il confronto tra Pennarossa e Faetano: i Gialloblù la spuntano di misura dopo essere passati inizialmente in svantaggio per effetto dell’autorete di Bacciocchi. Il numero 6 entrerà nel tabellino anche dal lato giusto, ma solo nel finale. Prima, Mangano e Massimo Moroni su rigore si incaricano della rimonta del Faetano, perfezionata dall’acuto di Tomassoni, ex della sfida. Ciacci cerca di condurre la rimonta del Pennarossa, subito soffocata dal gol di Bacciocchi. Nel finale il Pennarossa si regala un’ultima chance con la rete di Rosa, che però non porta in dote la rimonta. Anzi, la squadra di Chiesanuova, oltre al k.o., è costretta a registrare anche le espulsioni di Ciacci (doppio giallo) e del mister Casadei, entrambi allontanati a fine gara. 




Ufficio Stampa FSGC