breaking news
  • 27/11/2021 13:00 Serie B girone F: Alma Salerno-AMB Frosinone rinviata a data da destinarsi per il maltempo
  • 26/11/2021 22:42 Serie A2 maschile: nell'anticipo del girone C il Benevento si impone sulla Mirafin per 6-2
  • 26/11/2021 22:41 Serie A2 maschile, girone A, nel derby sardo vittoria del Città di Sestu sul Monastir: 6-3

07/06/2021 19:00

San Marino, torna finalmente la finale! Fiorentino e La Fiorita si sfidano per lo scudetto numero 15

Due anni dopo, torna la finale del Campionato Sammarinese di futsal. Di fronte, la dominatrice assoluta delle ultime tre stagioni e una new-entry assoluta in fatto di finali scudetto. Fiorentino e La Fiorita hanno chiuso in testa i rispettivi gironi (i gialloblù hanno vinto tutte le gare in stagione regolare, i rossoblù hanno mancato l’en plein pareggiando una partita) e per questo hanno saltato i quarti di finale. In semifinale, lo scorso venerdì, il Fiorentino ha superato 2-1 il Domagnano; La Fiorita ha fatto lo stesso con il Tre Fiori, trovando il gol qualificazione a ridosso del triplice fischio.


Dal desk della conferenza stampa pre-finale, nella tarda mattinata di oggi, sono intervenuti l’allenatore del Fiorentino Stefano Fallini (alla prima stagione in sella ai rossoblù) e Pierpaolo Pietrangeli, collaboratore tecnico in seno a La Fiorita. Al loro fianco, due elementi decisivi nelle semifinali: Manuel Marchetti con le sue parate, Elia Pasqualini con il gol del momentaneo 2-0, risultato decisivo per il passaggio del turno contro il Domagnano. Per La Fiorita, come detto, sarà la prima finale scudetto. Ma anche per Stefano Fallini sarà la prima finale alla guida del Fiorentino, squadra che punta a mettere in bacheca il suo terzo Scudetto consecutivo.


“È stato un campionato molto particolare e difficile da gestire per via del Covid – il parere del tecnico rossoblù. - Ci siamo fermati e quando siamo ripartiti c’è stato poco tempo per prepararsi. Tante squadre ne hanno pagato le conseguenze in termini di infortuni, alcuni anche importanti. Noi ci siamo adeguati, non è stato facile gestire la ripresa dal punto di vista fisico e di gioco; nel nostro caso non abbiamo ripreso molto bene (non come avevamo finito, almeno) ma siamo comunque riusciti ad arrivare in finale. Avremo molto probabilmente una sola assenza ma molto importante: Elia Michelotti, che conosciamo tutti. Le finali sono partite secche, strane: influiscono tanti fattori diversi e non sempre vince la migliore o chi gioca meglio. Vanno giocate e basta".

Le difficoltà di una stagione spezzettata anche nell’analisi di mister Pietrangeli, alla seconda stagione in gialloblù. Non cerca alibi, però, per una squadra a cui certo non mancheranno gli stimoli in un appuntamento già di per sè storico.


“Abbiamo avuto condizioni avverse e complicate quest’anno, è innegabile. Alla fine, però, sono state le stesse per tutti. È vero che non arriviamo alla finale con una preparazione fisica ottimale, però a questo livello, e visto che parliamo di una finale, sarà più una questione di personalità, di nervi e d’impatto emotivo. Abbiamo diverse assenze importanti ma non dobbiamo pensarci, daremo tutto con i nostri uomini a disposizione per non avere rimpianti”.


Elia Pasqualini sa che il Fiorentino si presenta a questo appuntamento con un curriculum più pesante rispetto a quello avversario. Tuttavia, il laterale rossoblù non se ne fa condizionare. Anzi.

“Mi aspetto una partita equilibrata – il suo pensiero. - Sono arrivate in finale le due squadre che hanno meritato di più in stagione, e che hanno dimostrato le cose più importanti e con maggiore continuità, anche prima della pausa. Personalmente sono molto carico: è vero che il Fiorentino viene da 53 risultati utili consecutivi (di cui un solo pareggio, ndr), ma è altrettanto vero che il gruppo è cambiato molto negli ultimi tempi, e anche da noi ci sono molti ragazzi che sono alla prima esperienza in partite di questo genere. Sono fiducioso, però, e credo che possiamo disputare un’ottima partita”.


Dall’altra parte un gruppo di giovani e giovanissimi al quale Manuel Marchetti è chiamato a fare da guida. Specialmente in partite importanti come quella di domani.

“In campionato abbiamo vinto tutte le partite, ma il percorso è stato un po’ falsato dalle interruzioni e dal fatto che non abbiamo potuto affrontare le squadre dell’altro girone – ammette il portiere di Montegiardino. - Siamo contenti per quanto fatto in semifinale: abbiamo battuto il Tre Fiori che è un avversario ostico ed esperto. Noi forse siamo un po’ acerbi: siamo giovani, l’età media si aggira sui 23 anni. Ma se da un lato abbiamo poca esperienza, dall’altro la giovane età può darci la spensieratezza giusta, e magari anche un po’ di sana sfrontatezza, che in certe partite può risultare decisiva“.

 

Giova ricordare che la vittoria del campionato schiude anche alla partecipazione alla prossima Uefa Futsal Champions League. La gara di domani sarà affidata alla terna D’Adamo – Notarpietro – Tura. Assenti, in casa Fiorita, Giacomo Bernardi e Samuel Toccaceli, espulsi rispettivamente venerdì scorso e martedì 25 maggio. Per la stessa ragione non prenderà parte alla gara neanche il tecnico gialloblù Leonardo Palermino. Il teatro della finale sarà quello solito dei play-off, ossia il campo di Fiorentino.


Il fischio d’inizio verrà dato alle 21. Su San Marino RTV Sport (canale 93 del DTT) verrà trasmessa la differita della gara, con telecronaca, mercoledì 9 giugno alle 18,15.


Alberto Menghi - Ufficio Stampa FSGC




Foto: FSGC


Galleria