breaking news
  • 28/06/2022 00:21 F4 Under 17, le semifinali: L84-Napoli Calcetto (ore 15) e SC Marconi-Fenice Ven. (ore 17)
  • 28/06/2022 00:19 F4 Under 15, le semifinali: Bologna-Gear Siaz (ore 10) e Roma C5-Orange Asti (ore 12)

06/12/2021 18:59

Cosmos di bene in... De Mello: ''A Godego è mancata la profondità: ci deve essere di lezione''

Il Cosmos Nove ha battuto venerdì scorso il Godego con un risultato risicato (2-3), ma monopolizzando il match. Jean Henrique De Mello, uno dei protagonisti della vittoria vicentina, ha infatti la certezza che la squadra di Albertini abbia fatto molto più di quanto il punteggio del tabellone possa far credere. 


"La partita di venerdì scorso è stata strana: il risultato non rispecchia quello che è successo. In entrambi i tempi abbiamo dominato la partita. Il campo però era in gomma e la palla rimbalzava: abbiamo avuto difficoltà a centrare la porta nonostante una trentina di tentativi. Alla fine comunque siamo riusciti a segnare i gol che ci servivano per portare i tre punti a casa. Sono molto felice di aver segnato la prima rete e confezionato l'assist per la seconda”.


Secondo De Mello è stato un match da cui si può imparare molto... 


"Questa partita ci insegna che anche dominando sotto tutti gli aspetti, ci saranno momenti in cui la situazione di gioco non sarà facile ed è proprio lì che dovremo essere una squadra e lottare fino all'ultimo minuto per vincere la partita”.


La stagione è cominciata bene per Mello, che trova sempre la motivazione giusta per centrare i propri obiettivi. 


"Sono molto contento di come sta andando la mia stagione, sono riuscito a segnare in quasi tutte le partite. Aiuto i miei colleghi in campo, sia in attacco che in difesa. La motivazione mi viene naturale: quando sono in campo, tra allenamento e partita, sento la passione per questo sport. Quando invece capita di non essere tanto motivato, i compagni e il mister mi danno la spinta per tirarla di nuovo fuori”.


Non mancano infine parole di ammirazione quando gli chiediamo come procede il lavoro con colleghi come Er Raji e Baccino. 


"Sono due giocatori spettacolari, ci insegnano tantissimo durante la settimana. Entrambi sono espertissimi. Da Baccino imparerò tantissimo, così come faranno anche i miei compagni. Er Raji invece è un po' più giovane, ma mi aiuta molto. Abbiamo caratteristiche simili e in campo per noi diventa facile capirsi”.