Galati prende per mano la Mirafin: "Il Città di Sestu? Una delle tante battaglie che ci aspettano"

Giornata di vigilia per la sfida tra Mirafin e Città di Sestu, che saranno in campo domani per recuperare il match non disputato nello scorso fine settimana a causa dell’emergenza maltempo che si è abbattuta su Cagliari. Tre punti importanti per entrambe le squadre: i sardi vogliono riprendere la corsa, mentre la Mirafin, come sottolineato da Andrea Galati, vuole togliere lo ”0” in classifica. 

”Domani finalmente si torna a giocare, siamo stati fermi per due sabati quindi credo che la voglia di tornare in campo superi le difficoltà di questo momento. C’è da dire anche che noi Mirafin abbiamo avuto la fortuna di fermarci solo adesso, recuperando la partita di domani dovremo recuperare solo quella casalinga contro la Monastir. Credo che il nostro grande problema non sia quindi legato ai continui rinvii ma ad un fattore mentale legato allo sbloccare la classifica il prima possibile. Come detto prima andremo in Sardegna con qualche giorno in più di lavoro sperando che questo possa portarci solo che benefici”.

Complice anche un calendario tutt’altro che agevole i rossoblù vogliono sbloccarsi anche dal punto di vista psicologico. 

”La partita di domani come tutte le prossime saranno per noi molto importanti. Se vogliamo mantenere la categoria abbiamo l’ obbligo di provare ogni sabato a portare a casa punti. Abbiamo avuto un avvio di campionato molto difficile affrontando forse le migliori squadre del girone, ora il calendario ci pone davanti diversi scontri diretti con squadre che almeno sulla carta lottano come noi per la salvezza. Saranno sicuramente tutte battaglie e ci dovremo far trovare pronti per iniziare a prendere punti che ci farebbero lavorare in settimana in modo più sereno”