Il Signor Prestito sfiora l'impresa, ma la rimonta non si completa: è un 6-6 da spettacolo con l'A&S

Partite come quella giocata al PalaRigopiano di Pescara tra Acqua&Sapone e Signor Prestito CMB meritano indubbiamente la copertina di una stagione intera. E diciamo anche più per merito del Signor Prestito che della capolista, che nel finale ha rischiato di lasciarci le penne per il rosso di Dudu a 24” dalla sirena, che la squadra di Nitti non ha saputo sfruttare. 


Ma lasciatecelo dire: questo Signor Prestito CMB sorprende ogni giorno di più, ogni partita di più. Rimontare due volte (dal 2-4 al 4-4, dal 4-6 al 6-6) sul campo dei primi della classe guidati dal grande ex Fausto Scarpitti non è da tutti. E guai dire che all’Acqua&Sapone mancava Mammarella, mancava Gui, mancava anche Calderolli, perchèp dall’altra parte Nitti ha dovuto rinunciare a Ramon e Isi che in una rosa guidata da due giovani quarantenni come i signori Wilde e Neto fanno sempre comodo.


Il Signor Prestito ha dimostrato di essere una realtà solida: un avviso a tutti i naviganti.


LA CRONACA - Proprio il Signor Prestito rompeva gli indugi al 2’26”: Cesaroni raccoglieva la ribattuta di Mambella su un suo precedente tiro e insaccava il gol del vantaggio. Che durava un amen: dopo 17” rimessa laterale di Lukaian, palla a Murilo che si accentrava e infilava sotto l’incrocio dei pali con Weber a guardare.


Gran tiro di Well, Mambella devia in acrobazia. Sul fronte opposto Weber si oppone in angolo sul tiro di Rafinha. Al 6’54” Misael si infila nelle maglie difensive lucane, ma Weber compie il miracolo smanacciando in angolo, sulla rimessa di Coco il gran tiro al volo di Rafinha vale il 2-1 per la squadra di Scarpitti. Ma il Signor Prestito c’è e al 7’51” arriva lo spettacolare pareggio di Wilde: bella giocata di Cesaroni che salta Trentin e fionda di sinistro, Mambella ribatte, arriva Wilde con una fucilata al volo per il 2-2.


Locali avanti un’altra al 10’20”: rocambolesco tocco di Fetic contrastato nel ripiegamento da Arvonio e la palla rotola in rete. Al 10’40” gran tiro di Neto, Mambella ribatte d’istinto, poi Murilo spara lontano la sfera. Al 12’17” arriva il 4-2: Coco si ritrova fortuitamente il pallone sul sinistro e fulmina Weber con un bolide imprendibile.


15’: da Cesaroni a Wilde, palla per Pulvirenti che spreca la più ghiotta delle occasioni per accorciare le distanze. Poco prima del ritorno negli spogliatoi spettacolare giocata di Lukaian, controllo e rovesciata che Weber neutralizza, con applausi dei (pochi) presenti per l’attaccante abruzzese.


La ripresa riparte con il Signor Prestito deciso a riprendere il match. Subito una bella giocata di Cesaroni, ma Mambella si supera deviando in angolo; dal corner palla a Neto, botta di sinistro che prende il palo con Mambella battuto. Il portiere angolano è provvidenziale sulla girata improvvisa di Well pochi secondi più tardi. Poi una grande azione personale di Weber, che si incunea nella difesa di casa e spara di destro centrando in pieno la traversa.


Al 9’40” si rivede l’Acqua&Sapone evidentemente in difficoltà davanti ad una rivale che sale costantemente con il quinto di movimento: tiro al volo di Murilo sull’angolo, Weber risponde e Misael non ne approfitta. Al 10’33” gran tiro al volo di Rafinha, palla bassa e tesa, ma Weber non si fa sorprendere. Si cambia fronte, con Mambella che si oppone a Wilde servito da Weber sull’out destro, murando la stella brasiliana. Ma il forcing del Signor Prestito viene premiato al 12’29”: azione manovrata da Weber e Cesaroni che serve la palla a Neto, staffilata di sinistro che si insacca sulla sinistra di Mambella ed è 4-3.


12’55”, la risposta dell’Acqua&Sapone: Trentin arriva in ritardo su un taglio di Murilo, poi sfiora il primo gol in Serie A. Ma sono i lucani a insistere e al 15’07” una punizione di Neto libera Wilde, destro potente che si infila sotto la traversa per il 4-4. Signor Prestito appagato? Neanche per sogno: Nitti prova a vincere in casa della capolista e mette Cesaroni portiere di movimento. Ma al primo errore in attacco Fetic indovina dalla sua area la traiettoria giusta per il 5-4.


Signor Prestito sfortunato al 16’18”: mischia sotto la porta di Mambella, Well si gira e coglie un altro palo col portiere di casa a terra. Passa un minuto e Lukaian si trova la palla sui piedi, non ci pensa due volte di prima intenzione indovina lo specchio della porta sguarnita dalla lunghissima distanza: 17’20”, è 6-4 Acqua&Sapone.


Subito in avanti il CMB. 17’35” veloce rotazione e palla a Neto che accorcia le distanze. 18’32”, altra azione offensiva lucana, con mischia in area angolana, la palla si impenna, Santos salta più alto di tutti e di testa infila il 6-6.


Timeout di Scarpitti, che presenta mette Dudu portiere di movimento negli ultimi novanta secondi. Ma Murilo perde palla in attacco, ripartenza CMB, Dudu stende Wilde: secondo giallo ed espulsione. A&S in inferiorità numerica negli ultimi 24”, ma la squadra di Nitti non la sfrutta e la sirena suona per legittimare il 6-6 di una partita spettacolare. Chi l’ha potuta vedere se la ricorderà a lungo.



ACQUA&SAPONE-SIGNOR PRESTITO CMB MATERA 6-6 (pt 4-2) 

ACQUA&SAPONE: Mammarella, Mambella, Fior, Patricelli, Marrazzo, Murilo, Coco, Misael, Fetic, Rafinha, Dudu, Zappacolta, Trentin. All.: Scarpitti

SIGNOR PRESTITO CMB MATERA: Weber, Strippoli, Nucera, Neto, Pulvirenti, Well, Santos, Wilde, Arvonio, Cesarini, Bizjak, Romagnoli, Rocha. All.: Nitti

ARBITRI: Alex Iannuzzi (Roma 1), Davide De Ninno (Varese), crono: Marco Di Filippo (Teramo)

MARCATORI: pt 2’26” Cesaroni (CMB), 2’43” Murilo (A&S), 6'54" Rafinha (A&S), 7'51" Wilde (CMB), 10'20" Fetic (A&S), 12'17" Coco (A&S), st 12'29" Neto (CMB), 15'07" Wilde (CMB), 15'52" Fetic (A&S), 17'20" Lukaian (A&S), 17'35" Neto (CMB), 18'32" Santos (CMB)

NOTE: ammoniti Dudu (A&S), Trentin (A&S), Neto (CMB), Fetic (A&S). Espulso al 19'36" Dudu (A&S) per somma di ammonizioni