breaking news
  • 01/07/2022 08:05 #A2, Aquile Molfetta: ufficializzato il nuovo allenatore, è Giampiero Recchia

02/05/2022 12:41

La Liguria incorona il Bordighera Sant'Ampelio: un buon Tigullio deve arrendersi a Bolzaneto, è 3-1

Il Bordighera Sant’Ampelio scrive la pagina più bella del suo libro stagionale, batte per 3-1 la Tigullio a Bolzaneto e vola in Serie B riportando in auge il futsal del Ponente Ligure che mancava sulle scene nazionali da diverse stagioni. Dal canto suo, la compagine del presidente Radice avrà modo di tornare a sua volta tra i cadetti attraverso il tabellone nazionale dei playoff.


Manca Davide Melini per motivi di lavoro nel roster di Franco Basta, al suo posto Andrea Maiolo (che neanche il tempo di staccare dal lavoro, a mezzogiorno, che parte subito per Genova per aggregarsi ai compagni di squadra). Il tecnico recupera in extremis Beppe Pulvirenti, appena rientrato dalla Sicilia dove due giorni prima si era laureato in scienze giuridiche. Manca invece il capitano Semplicino (squalificato) nelle fila del Tigullio, assenza già anticipata alla vigilia da mister Pinto, che deve lamentare la defezione del convalescente Tola (operato a una caviglia) e una condizione complessiva del suo gruppo non proprio ottimale.


LA CRONACA - Approccio positivo del Bordighera al match ed è Guglielmi (che poi si infortunerào) a sbloccare il risultato. Sulle ali dell’entusiasmo il Bordighera raddoppia dopo pochi minuti con Vedda: la squadra di Basta e Restelli sembra avere saldamente in mano il pallino del gioco e da’ come l’impressione di poter passare ancora da un momento all’altro. Invece, poco prima dell’intervallo, il Tigullio rientra in partita con una puntata di Abedini che anticipa Rovere. Al riposo Bordighera avanti per 2-1 e gara tutta da scrivere nella ripresa.


Ripresa che si apre con una serie di capovolgimenti di fronte, con l’equilibrio che viene spezzato dalla rete del 3-1 di Maccario. Patron Radice, in veste di tecnico vista la squalifica di mister Pinto, provvede immediatamente ad alzare la pressione inserendo Roncagliolo come portiere di movimento ma rischia di prendere il quarto gol: per una questione di centimetri Maddafferi non arriva sul secondo palo per correggere in rete un pallone scaricato da Pulvirenti. Rovere dal canto suo sbarra la strada come bravura ai tentativi del solito Abedini, di Brati e Merciari; poi Serva non vede Tramontana libero davanti alla porta vuota e i cinque minuti di recupero accordati diventano autentica passione per il Bordighera, che al triplice fischio può comunque esultare alla conquista della promozione in Serie B.


Per il Tiguillio, invece, ci sarà ancora da soffrire: da metà maggio il ritorno in campo per disputare i playoff nazionali che assegneranno gli ultimi quattro posti per partecipare al prossimo campionato di Serie B.