breaking news

14/01/2022 13:43

Leandrinho punta a qualificazione e primato: ''Grande intensità con il Massa per chiudere i giochi''

Torna a giocare al Franchetti il Città di Mestre, ospitando una delle avversarie forse più ostiche del lotto, quel Città di Massa che solamente sette giorni fa ha inflitto la prima sconfitta della stagione alla Gisinti capolista. Squadra, dunque, da tenere nella massima considerazione dagli uomini di Mastrogiovanni, che hanno dovuto prolungare le vacanze di fine anno non giocando sabato scorso a Modena e dunque particolarmente motivati a far subito bene in quello che sarà il primo match del 2022, tra l’altro decisivo per un posto in Coppa Italia.


Tra i giocatori maggiormente motivati c’è indubbiamente Alfonso Leandro, per tutti Leandrinho. Il suo approdo in maglia arancione è stato salutato con cinque gol nelle prime due uscite: riuscirà a ripetersi anche contro i massesi? 


“Il mio primo impatto non poteva essere migliore - ha dichiarato in una recente intervista su La Nuova Venezia. Mi sono ambientato da subito con i miei compagni con cui abbiamo giocato due partite molto bene, portando sei punti a casa. Sono molto contento dei miei gol ma quello che è importante è sempre la vittoria della squadra. Sicuramente quella contro il Massa sarà una partita difficile perchè loro vengono da una bella vittoria contro il Pistoia. Perì noi giochiamo in casa e vogliamo chiudere il discorso Coppa Italia, giocando una partita con molta intensità per portare a casa i tre punti che ci permetteranno di essere matematicamente in coppa, oltre a poter pure finire il girone di andata primi in classifica”.


Massa rivale del Città di Mestre nella corsa al vertice. Ma quali sono le aspettative di Leandrinho in chiave-primato?


“Per quello che ho visto di questo girone (Leandrinho ha giocato fino a dicembre nel girone A con l’ormai ei-fu Atletico Nervesa, n.d.c.) la Sampdoria ha fatto un mercato molto buono. Però penso che pure noi saremo lì per lottare fino alla fine. Il nostro è un girone molto equilibrato e le prime cinque della classifica sono quelle che possono più delle altre puntare alla promozione”.


- Ma cosa ti ha spinto a scegliere il Città di Mestre dopo la fine dell’esperienza a Nervesa?


“Sono arrivato al Città di Mestre per aiutare una già buonissima squadra e insieme ai miei compagni, a raggiungere gli obiettivi stagionali. Ho già giocato con Juanillo in A a Genova e conosco quasi tutti della rosa, così è stato semplice ambientarsi. Ho scelto questa perché è una società ambiziosa, con una squadra che punta all’alta classifica. Io farò del mio meglio per provare a portare Mestre in più in alto possibile”.






Foto: De Toni