Orsa Viggiano, Siviglia è un fiume in piena: ''Assurdo parlare di razzismo. Il progetto va avanti!''

Domenico Siviglia non le ha certo mandate a dire, le sue idee sono piuttosto chiare. Ecco quanto riferito, in una intervista video (GUARDALA QUI) alla testata giornalistica La Gazzetta della Val D’Agri, partendo innanzitutto dalla difesa di mister Rispoli dopo gli attacchi social ricevuti dal tecnico nelle scorse settimane, attacchi rispediti prontamente al mittente.

“Sono rimasto non sorpreso, ma di più anche perché conosco Rispoli, conosco me stesso, conosco la mia società e non è possibile essere definiti o prendere una multa pesante, non per la somma in sé ma per quello che è stato riportato da chi dirige le partite. Prendere 1200 euro per aver detto una parola razzista? Ma non è vero, assolutamente. Il mister, che non ha certo bisogno di protezione, non è un razzista, sia da me che da lui lavorano ragazzi di colore, che vengono da altri continenti, quindi noi facciamo socialità e già da questo si capisce come il razzismo lo mettiamo da parte. Non ho mai parlato male di nessuno e mai mi permetterò, ma in questo caso l’arbitro di Pescara ha sbagliato”.

- Adesso per l’Orsa c’è bisogno di vincere due partite per ottenere la salvezza diretta senza passare dagli spareggi...

"La stagione dell’Orsa era partita alla grande, avevamo allestito un roster importantissimo. Purtroppo come ben sapete le cose sono cambiate, le regole devono essere applicate sia da che dirige e, quindi, dalla società, ma anche dagli attori principali che sono i ragazzi che vanno in campo. Delle volte ci sono degli attori che sbagliano, è normale che poi chi dirige non scende a compromessi con nessuno e ho preferito che i giocatori in questione andassero altrove. Sono rimasto un po’ spiazzato, la squadra non se lo aspettava e ha subito un calo fisico e invece di lottare per i play-off stiamo cercando di non retrocedere. I ragazzi ci credono nella salvezza, si stanno allenando bene. Le prossime due partite sarà molto difficile vincerle, ma ci dobbiamo credere. Contro il Bernalda sarà durissima, è una corazzata, ma anche contro il Cataforio non sarà semplice perchè hanno fatto un altro acquisto proprio nell'ultimo giorno utile (Atkinson, n.d.c.). Ma lo dico subito: in caso di retrocessione, facciamo gli scongiuri, l’Orsa farà una richiesta per rimanere in A2. Non ci fermiamo, ma andiamo avanti" .