breaking news

13/04/2021 21:00

L'Italfutsal fa il suo dovere: Gui e Fantecele, un gol per tempo e il Montenegro va ko a Prato

La Nazionale di Bellarte completa il suo percorso di qualificazione infilando la quinta vittoria a spese del Montenegro, chiudendo con un larghissimo margine di vantaggio sulla Finlandia, che dal canto suo brucia il Belgio e chiude al secondo posto. Vittoria meritata quella degli Azzurri nel deserto dell’Estraforum di Prato, location prescelta per il tris di impegni nel percorso verso l’Olanda, che ha portato bene all’Italfutsal, sempre vittoriosa.


Partita vinta senza grandi affanni contro un Montenegro che non ha comunque sfigurato e che anzi, specie nella ripresa, ha punzecchiato più volte Molitierno ma senza trovare la via della rete, al contrario della squadra di Bellarte, che ha risolto la questione con un gol per tempo, dando l’impressione di poter gestire il gioco con relativa tranquillità. 2-0 alla fine per gli Azzurri, con rete al debutto di un Fantecele che ha confermato di essere il sostituto ideale di Merlim griffando una prestazione più che positiva.


LA CRONACA - Subito in evidenza Gui: dopo cento secondi ruba palla ma non inquadra lo specchio della porta, che centra invece al 2’15” dopo aver recuperato palla e saltato il portiere in uscita, insaccando il vantaggio azzurro. Al 5’06” si mette in evidenza il portiere ospite Djurkovic, che devia con un po’ affanno un tiro di Fantecele mirato all’angolo basso; poi, al 6’50”, sempre Djurkovic vola per deviare la conclusione del fantasista avellinese dopo una grande giocata e infine respinge di istinto un forte sinistro di De Matos.


Il giocatore del Valdepenas va vicino al raddoppio al 7’55”, quando si gira e coglie il palo sulla destra del portiere. Al 9’27” azione di forza di Murilo, appoggio esterno a Gui ma ancora Djurkovic si oppone con bravura, ripetendosi al 17’08” volando per deviare il sinistro di Motta. Al 18’58” occasione per Vuletic, che si inserisce su un alleggerimento azzurro, mandando la sfera a sfiorare il palo sinistro. Al riposo Italia avanti per 1-0.


Nella ripresa è il Montenegro che inizialmente fa vedere le cose migliori. Corovic se ne va di forza e spara sull’esterno della rete, sul fronte opposto rimessa laterale di Fantecele con palla a Murilo che non incrocia bene. Al 3’13” botta di Vidakovic ma Molitierno è pronto sul primo palo, il portiere azzurro si ripete pochi attimi prima del 4’ su un’altra botta di Vidakovic che passa sotto le gambe di Motta diventando velenosissima.


Al 5’48” errore di Draskovic, ma c’è Djurkovic a salvare su Vieira. La partita resta viva ma offre pochi spunti di cronaca e sin deve aspettare il 12’ per assistere alla bella giocata di Capogiro, servito in profondità da Murilo, ma Djurkovic non si lascia sorprendere. L’estremo montenegrino però non può nulla sul fendente di Fantecele che al 16’35” insacca l’angolo basso alla sua sinistra per il gol del 2-0 che fa calare il sipario sulle positive qualificazioni azzurre


ITALIA-MONTENEGRO 2-0 (pt 1-0)

ITALIA: Molitierno, Murilo, Cesaroni, Musumeci, Gui, Di Ponto, Motta, Esposito, Di Eugenio, De Matos, Japa Vieira, Fantecele, Caponigro, Dudu. Ct: Bellarte

MONTENEGRO: Djurkovic, Drašković, Spasojević, Milicic, Obradović, Sekulić, Sušić, Markovic, Ćorović, Mugoša, Vidaković, Vuletic, Gojacanin. Ct Ljesar

ARBITRI: David Glavonjic (SVE), George Jansizian (SVE), Gianluca Gentile (ITA), crono: Michele Bensi (ITA)

MARCATORI: pt 2'15" Gui, st 16'35" Fantecele