breaking news

05/03/2021 19:20

Italia, missione compiuta a Vantaa: 4-2 alla Finlandia, segna anche Miarelli, Europei più vicini

4-2 alla Finlandia nel palasport di Vantaa, bis servito dopo il 7-4 di Prato, terza vittoria nel girone di qualificazione ed Europei che sono sempre più vicini per la squadra di Bellarte, che adesso, nella sfida al Belgio di martedì sera a Prato, può chiudere in largo anticipo il discorso per il passaporto che conduce in Olanda. Non un'Italia spettacolare, quella vista all'opera in terra finnica, con un calo apparso evidente nel corso della ripresa al cospetto di una Finlandia che ha cercato di sterzare dopo un primo tempo in cui ha subito il miglior fraseggio azzurro, con il 2-0 dell'intervallo che, anzi, andava anche stretto a Merlim e compagni. Sul 2-1 la risposta di De Matos e Miarelli che ha fatto calare il sipario e chiuso i conti con il quintetto di Martic.

LA CRONACA - La Finlandia prova a partire dando pressione alta agli azzurri, conquistando un corner e facendosi vedere dalle parti di Miarelli con una conclusione che finisce fuori. L’Italia risponde con Merlim, che calcia forte di sinistro sul secondo palo con Esposito che non riesce a spingere in porta. Il momento è positivo e infatti gli azzurri sbloccano la gara: al 3’ rimessa laterale battuta da Merlim per la conclusione diretta di Nicolodi che buca Savolainen per l’1-0. E’ Vanha a rispondere quasi immediatamente per la Finladia, ma Miarelli si fa trovare pronto sulla sua conclusione e mette in angolo.

L’Italia gioca bene, muove alla grande il pallone e al 5’ sfiora il raddoppio: prima Savolainen risponde a Merlim e, sulla, ribattuta, Japa Vieira colpisce il palo con un gran destro da posizione defilata. Nella fase centrale del primo tempo il ritmo della partita si abbassa, ma l’Italia, come ha occasione, si fa vedere nella metà campo offensiva. De Matos e Motta ci provano, ma si resta sull’1-0. Al 13’ l’Italia trova anche il raddoppio: lancio lungo di Miarelli a pescare Japa Vieira che calcia, viene murato da Savolainen ma il pallone gli carambola addosso e finisce in porta per il 2-0.

La risposta finlandese è affidata al 16’ ad una doppia conclusione di Kunnas, che trova però sulla sua strada Michele Miarelli.  E’ Savolainen a tenere in piedi i suoi sulla doppia chance azzurra nel finale con Japa Vieira prima e Merlim poi: all’intervallo è 2-0. 

La ripresa si apre subito con una bella giocata di Grönholm che termina sull'esterno della rete: è il campanello d'allarme che i secondi 20' non saranno per niente come i primi, ma l'Italia gestisce bene gli spazi e al 2'09" sfiora anche la terza rete con il destro di Merlim che lambisce il montante. Al 4'29" il capitano di giornata costringe Savolainen ad un intervento difficile per salvare la propria porta, ma da quel momento gli azzurri vanno a spegnersi favorendo la progressione offensiva degli scandinavi: la rete di Junno all'8'15" giunge proprio nel momento in cui il calo italiano appare più evidente. 

La squadra di Bellarte si scuote.- Al 10'30" ripartenza di Vieira che allarga per Esposito, tiro che non inquadra lo specchio della porta. All’11’30” Merlim mette la maglia da portiere di movimento, Bellarte vuole tenere alta l’attenzione con la squadra che sembra non riuscire più ad alzare il baricentro del gioco. Al 14’10” affondo di Cainan, taglio al centro, Gui non si coordina e il tiro ravvicinato viene respinto da Savolainen. L’Italia viene fuori dal torpore: al 15’33” Murilo per Vieira, appoggio esterno a De Matos e Savolainen devia, dal corner palla palla nuovamente a De Matos, tiro sporcato da Korpela e palla nel sacco per la prima rete azzurra di Cainan nella gara del suo esordio.

Martic non ci pensa due volte: Korsunov portiere di movimento e al 17’09” c’è anche il quinto fallo di Gui che rischia di complicare le cose. Ma ci pensa Michele Miarelli a togliere le castagne dal fuoco: palla intercettata su un’azione finlandese, rinvio millimetrico e gol del 4-2 al 17’29”. Un giro di lancette dopo anche il portiere dell’Italservice si oppone a Intala e poco dopo dice no a Vanha, anche se al 18’36”, sugli sviluppi di un angolo, non può nulla sul sinistro di Lintala che anticipa anche Esposito e fissa il 2-4 del tabellone.


Ma va bene così. Tre punti servivano e tre punti sono arrivati: l’Olanda, che è la cosa che importa, è più vicina.



FINLANDIA-ITALIA 2-4 (pt 0-2)

FINLANDIA:  Savolainen, Intala, Korsunov, Lintula, Korpela, Pikkarainen, Vanha, Grönholm, Junno, Jyrkiäinen, Nyström, Pöyliö, Kunnas, Kangas. All. Martic

ITALIA: Miarelli, Murilo, Vieira, Merlim, Motta, Nicolodi, Esposito, Cesaroni, Di Eugenio, Achilli, De Matos, Gui, Arillo, Molitierno. All. Bellarte

ARBITRI: Marc Birkett (ING), Gordon Mccabe (SCO), Arttu Kyynaeraeinen (FIN), crono: Janne Määttänen (FIN)

MARCATORI: pt 3'05" Nicolodi (I), 13'05"Vieira (I), st 8'15" Junno (F), 15'25" De Matos (I), 17'29" Miarelli (I), 18'36" Lintula (F)

NOTE: ammonito Nyström (F)