Questo Giovinazzo non muore mai: il 3-2 al Regalbuto vale l’accesso alle Final Four di Coppa Italia

Il futsal a volte è strano e incorona eroi del tutto inattesi. Guilherme Camisso Fermino non sfugge alla regola: il laterale biancoverde classe ‘01, unico volto nuovo del mercato invernale, risolve dal dischetto del tiro libero la complicata gara secca di Coppa Italia con il Regalbuto e conduce il club di Antonio Carlucci alla Final Four di Policoro, in programma i prossimi 2 e 3 aprile. Finisce 3-2 al termine dei tempi supplementari, dopo che Delgado (doppietta per lui) aveva trovato il gol del 2-2 a 15 secondi dall’ultima sirena. Al PalaPansini, i responsabili tecnici Darci Foletto e Francesco Faele si presentano con Di Capua, Bellaver, Menini, Ferreira Praciano e Alves, mentre Reali replica con La Rocca, Basso, Lopez, Capuano e Lo Cicero. 

L’iniziale fase di studio sembra non finire mai, la tensione si taglia a fette: La Rocca, in proiezione offensiva, col destro non inquadra lo specchio di porta, mentre i biancoverdi di casa replicano sull’asse Bellaver-Ferreira Praciano-Menini, ma La Rocca si rifugia in corner. Il Regalbuto, che sabato scorso ha riposato, ci prova in serie con i vari Capuano (conclusione parata da Di Capua) e Lo Cicero (tiro sul fondo) e poi, al 12’, sblocca la gara con Delgado: il suo destro dal limite dell’area vale il vantaggio dei siciliani, 0-1. La reazione del Giovinazzo è immediata, ma Bellaver alza troppo la mira da buona posizione, mentre dall’altra parte è Basso a sfiorare il raddoppio con una conclusione potente messa in angolo da Di Capua che, prima del riposo, si ripete su Capuano, Lo Cicero e Delgado. È l’ultima occasione del primotempo, al riposo è 0-1.

La ripresa si apre con una doppia occasione di Ferreira Praciano (a lato la prima, parata da La Rocca la seconda). Poi è il Regalbuto a farsi nuovamente minaccioso dalle parti di Di Capua, ma il portiere si supera con una tripla parata sui vari Capuano, Delgado e ancora Capuano. Saponara, sull’altro versante, è lesto ad anticipare tutti, ma impreciso nella conclusione a rete (palla alta), poi è Roselli a murare, praticamente sulla linea di porta, l’occasionissima capitata sui piedi di Basso, in area di rigore. Scampato il pericolo, il Giovinazzo riequilibra il punteggio con Roselli (1-1 all’8’): la squadra di casa sembra finalmente entrata in partita e la gara diventa subito più divertente. Il fraseggio dei padroni di casa continua a produrre insidie e al 10’ arriva il gol del 2-1: Piscitelli si invola sul binario di destra e praticamente dal fondo fulmina La Rocca col destro e pesca il gol della serata. Che fa salire la temperatura all’interno del PalaPansini. Reali è impietrito e senza indugi si affida al quinto di movimento (Vitale) per provare a cambiare l’inerzia dell’incontro. Il Regalbuto si sistema e sfiora subito il pari, ma super Di Capua è straordinario su Delgado. La partita è vivissima, gli ospiti credono nell’impresa, attaccano e conquistano anche un tiro libero (fallo di Saponara su La Rocca), continuando però a sbattere contro un Di Capua formato insuperabile: dal dischetto, non passa nemmeno Delgado.

La beffa è però dietro l’angolo, a 15 secondi dall’ultima sirena, quando lo stesso Delgado, da destra, indovina il corridoio giusto e trova il 2-2. Si va ai supplementari. Il tiro libero di Capuano incrocia la sagoma di Di Capua, quello di Bellaver termina oltre la traversa, La Rocca non è da meno e respinge il destro, sempre dal dischetto del tiro libero, di un eroico Ferreira Praciano, prima di franare su Saponara. Cartellino rosso per il portiere, doccia anticipata per lui e nuovo tiro libero per il Giovinazzo, stavolta affidato al baby Fermino. Ed è proprio lui l’uomo copertina: a soli 21 anni si prende la responsabilità di calciare, uccella il neo entrato Miraglia con un gran destro e fa 3-2. Non succede praticamente più nulla, con San Di Capua che bacia la traversa - che dice di no a Vitale - e respinge gli ultimi attacchi degli ospiti, di Lo Cicero e Delgado. Finisce 3-2: il Giovinazzo C5 si qualifica alla Final Four dove troverà l’Hellas Verona, il Gisinti Pistoia e la Fortitudo Pomezia. 

GIOVINAZZO-REGALBUTO 3-2 dts (pt 0-1, st 2-2, pts 2-2)
GIOVINAZZO: Di Capua, Menini, Alves, Bellaver, Jander
, Piscitelli, Mongelli, Zago, Fermino, Roselli, Saponara, La Notte. All. Foletto.
REGALBUTO: La Rocca, Wallace, Basso, Capuano, Lo Cicero, Daniel, Ar. Fichera, F. Vitale, Martinez, A. Vitale, Ferrante, Miraglia. All. Reali.
ARBITRI: Serfilippi (Pesaro), Lacrimini (Città di Castello). Crono: Lacalamita (Bari)
MARCATORI: pt 12' Daniel (R), st 8' Roselli (G), 10' Piscitelli (G), 19'45'' Daniel (R), sts 3' Fermino (G)

NOTE: ammoniti Martinez (R), Mongelli (G), Bellaver (G), Wallace (R), Roselli (G). Espulso al 3’sts La Rocca (R).

 

Nicola Miccione

Ufficio Stampa G.S. Giovinazzo Calcio a 5