breaking news
  • 04/12/2021 20:50 Anticipi #SerieAF, pokerissimo esterno Tiki Taka Planet. La Lazio rimane al comando
  • 03/12/2021 23:06 Serie A2 girone D, gli anticipi della 9ª giornata: Aquile-Capurso 2-2, Ispica-Bernalda 5-3
  • 03/12/2021 23:04 Serie A2 girone A: nell'anticipo della 9ª giornata Monastir Kosmoto-Arzignano 0-7

06/02/2021 22:05

Trasferta amara per il Pordenone: l’Hellas Verona mette in mostra tutto il suo potenziale e trionfa

In un Agsm Forum purtroppo vuoto questo pomeriggio, il Pordenone non riesce ad avere la meglio contro un Hellas Verona che, dopo un primo tempo combattuto, dilaga e trova il successo nella ripresa.

Mister Asquini ritrova diverse pedine importanti per questa sfida che entra subito nel vivo. Minuti iniziali di grande intesità, da una parte e dall'altra. Al 3' Buoanno chiama in servizio Vascello, mentre dall'altra parte è capitan Milanese, anche lui tra i recuperati quest'oggi, che per vie centrali prova in più occasioni a sorprendere Fontaniello.

PRIMO TEMPO - Tengono bene il campo i ramarri, ma il match lo sbloccano i padroni di casa con Ziberi, all'8', complice anche una sfortunata deviazione alle spalle del portiere friulano. Un giro palla migliore quello dei gialloblù, che all'11' provano il raddoppio con Tirapo a cercare Amoroso, il cui passaggio va a vuoto con lo specchio chiuso da Vascello, al limite area. E' una sfida comunque combattuta qui a Verona: al 14' Rocha neutralizzato a tu per tu da Vascello, mentre sul capovolgimento di fronte, occasione anche per Finato che trova sulla sua corsa Fontaniello.

Al 15' Donin butta sulla traversa il primo tiro libero della gara, mentre Koren poco dopo prova a colpire da fuori, ben chiuso sul primo palo della porta di casa. Un finale della prima frazione con il Pordenone che cerca di aggredire la metà campo avversaria, ben difesa, tuttavia, dai ragazzi di mister Milella.

SECONDNO TEMPO - Rientrati in campo, arriva subito il doppio vantaggio per i gialloblu dopo 1', con Tirapo che gonfia la rete, sulla conclusione iniziale, respinta dal palo, di Amoroso. L'ulteriore allungo arriva su un controllo sfortunato di Vascello al 2'30'', sin qui impeccabile, sul retropassaggio di Koren. Poi il poker lo cala Leleco al 4', che si inserisce fin troppo facilmente in solitaria, prima di infilare a rete.

Dilaga la formazione di casa, contro una Martinel Pordenone troppo agitata e stordita da questo avvio di ripresa; timida la reazione neroverde: al 7' ci prova Finato dalla destra, parato da un attentissimo Fontaniello.


Passata la metà, Asquini prova a giocarsi la carta del portiere di movimento, con Spatafora, ed al 15' è premiato con la bella rete di Piccirilli che da fuori infila di precisione sul secondo palo, sbloccando le marcature per i suoi. Il goal riaccende le speranze ed al 16' arriva il tap-in vincente di Finato sulla conclusione di Koren, ma pochi secondi più tardi Arrepiu butta acqua sul fuoco, approfittando dello sbilanciamento neroverde in avanti per finalizzare il 5-2. La forbice di casa si allarga a 2' dal termine con il goal da porta a porta di Ziberi, prima dell'ultimo acuto di Finato a 30'' dalla sirena, ancora un tap-in vincente su assist di Koren.

Rientra a mani vuote la Pordenone, brava a tenere testa alla corazzata veronese nei primi 20', per poi lasciarsi stordire ad inizio ripresa, concedendo campo e reti ad un Hellas Verona che ringrazia e si porta a casa il massimo della posta in palio.

Ora appuntamento a martedì sera, di nuovo al PalaFlora.

HELLAS VERONA-PORDENONE 6-3 (pt 1-0)
HELLAS VERONA: Fontaniello, Dal Corso, Leleco, Gyedu, Tirapo, Ziberi, Amoroso, Arrepiu, Rocha, Buoanno, Mazzoni, Donin. All. Milella.
PORDENONE: Vascello, Tosoni, Dus, Grzelj, Koren, Milanese, Finato, Grigolon, Spatafora, Cigana, Piccirilli, Casula. All. Asquini.
ARBITRI: Di Fonzo (Bra) e Baldi (Chiavari). Crono: Nori (Vicenza)
MARCATORI: pt 8' Ziberi (V), st 1' Tirapo (V), 2'30'' aut. Vascello (V), 4' Leleco (V), 15' Piccirilli (P), 16' Finato (P), 16'30'' Arrepiu (V), 18' Ziberi (V) e 19'30'' Finato (P)
NOTE: ammoniti Milanese (P), Koren (P) e Finato (P)


Ufficio Stampa Pordenone