Eur, Vinicius Bacaro non si abbatte: "Approccio ottimo. E il club ha fatto chiari passi avanti"

Non è bastata una grandissima prestazione contro la corazzata Genzano per muovere la classifica di un Eur Calcio a 5 che saluta il nono turno di campionato con zero punti in cascina ma con la consapevolezza di una crescita evidente e costante. Al To Live, contro lo squadrone castellano costruito per vincere tutto, i ragazzi di Paolo Minicucci si rendono protagonisti di una prima frazione di gioco ai limiti della perfezione, subendo poi il ritorno della compagine di Angelini che ribalta l’iniziale vantaggio griffato Nicola Degan. 


Ripartire dalla prestazione è l’imperativo categorico in casa Eur. Alla luce di una settimana dal sapore decisamente storico per il club targato Andrea Cirillo che, domenica sera, farà il suo debutto assoluto su Sky Sport nel posticipo della decima di campionato contro il Prato. I colori dell’Eur saranno protagonisti nella più prestigiosa vetrina sportiva nazionale, un traguardo che certifica in modo chiaro ed inequivocabile la crescita esponenziale del club del IX Municipio. 


E che premia il lavoro lungimirante portato avanti dalla società in questi ultimi anni. Come sa bene il leader e capitano dell’Eur Calcio a 5 Vinicius Bacaro.


“I passi in avanti che ha fatto questo club in termini di struttura dirigenziale e tecnica sono sotto gli occhi di tutti – le parole del capitano – e sappiamo bene quanta professionalità, impegno e dedizione ci siano dietro a tutto questo. L’opportunità di giocare domenica prossima in diretta Sky rappresenta una vetrina meravigliosa ed unica sia per la società che per i ragazzi. Dovremo preparare la partita con il Prato nel migliore dei modi”. 


Vinicius torna poi sul ko contro il Genzano.


“L'approccio è stato ottimo – sottolinea –  così come l'atteggiamento che abbiamo tenuto per tutta la gara, ma alla lunga è normale che la qualità e l'esperienza vengano fuori e determinino il risultato della partita. I nostri avversari hanno saputo convertire le occasioni create e tenere duro nei momenti chiave del match, come fa una grande squadra in una partita tirata. Purtroppo – conclude Bacaro – stiamo subendo troppi gol e ne facciamo pochi ma sicuramente tutto questo fa parte di un percorso di crescita che i nostri ragazzi, alcuni veramente molto giovani, devono necessariamente fare”. 


Alessandro Bellardini