Il Laurentino sotto esame con il Torrino. Cacciatore torna e vuole i tre punti: ''Servono per la B''

Un’altra tappa lungo la strada che conduce in Serie B. Domani il Laurentino è atteso da un impegno casalingo abbastanza ostico con il Torrino, che occupa la quarta posizione del girone B della C1 laziale. Sfida che andiamo a presentare avvalendoci della partecipazione di Mauro Cacciatore, laterale classe 1987, che dopo le esperienze con Olimpus, Mirafin, Lazio Calcetto e Vallerano, sta dando il suo contributo al percorso (immacolato) della capolista.


- Distacco in classifica a parte, che partita bisogna aspettarsi considerando sia il valore degli ospiti quanto l'aspetto a livello di atteggiamento da parte del Torrino, perchè come si sa contro la prima della classe si raddoppia sempre l'impegno?


“Ormai  tutti vogliono avere la soddisfazione di batterci visto che non abbiano mai perso, ma in casa di certo non regaleremo punti, che sono fondamentali per vincere il campionato”.


- E' vero che siamo solo alla seconda di ritorno e che non bisogna dare nulla di scontato, però un margine di 10 punti sulla seconda vi può consentire di gestire abbastanza serenamente la fase discendente del torneo. Una tua valutazione da questo punto di vista?


“Non dobbiamo calare di concentrazione perché manca ancora tutto un girone, quindi dobbiamo rimanere sul pezzo e non pensare di aver già vinto. Sarebbe l’errore più puerile che si potrebbe commettere”.


- Infine, sei soddisfatto di come stanno andando le cose da un punto di vista personale? Ti aspettavi una stagione così da parte del Laurentino?


“Sono sincero, mi aspettavo una stagione così di alto livello. Siamo un gruppo unito, consapevole della nostra forza e se siamo lì non è di certo un caso. Per quanto mi riguarda, tra lavoro e Covid sono mancato un mese e mezzo, quindi ho una enorme voglia di rientrare domani in campo per dare il mio apporto alla squadra”.