L'Olympia Rovereto cerca il riscatto a Bologna. Saiani: ''Adesso serve fare di necessità virtù''

A parte lo scotto della batosta, mister Saiani non si immaginava certo un esordio così crudo nel campionato cadetto. Chiaro che la trasferta di oggi a Bologna contro il Fossolo è stata approcciata con uno stato d’animo non proprio dei migliori. 


“Bisogna togliersi questa sconfitta dalla testa e lavorare - ha dichiarato il tecnico rotaliano. - Non stiamo lavorando male, stiamo lavorando bene su delle situazioni, e stiamo crescendo. Purtroppo ci stiamo scontrando con un campionato dove non puoi sbagliare, se tu sbagli rischi di fare figuracce come quella con il Cesena. E’ stata una partita nata male e proseguita peggio, nel senso che abbiamo subito una doccia fredda all’inizio. Abbiamo cercato di recuperare ma nel tentativo di farlo abbiamo preso delle ripartenze, poi col portiere di movimento abbiamo subito qualche gol di troppo. Ma è altrettanto vero che abbiamo fallito dei gol facili, anche un rigore, neanche il gol della bandiera siamo riusciti a buttare dentro. Dobbiamo voltare pagina e ripartire, il campionato è lungo e abbiamo la forza e il carattere per riuscire ad alzarci”.


Bisogna anche dire che questa Olympia potrà essere giudicata dal momento imm cui spiani comincerà a lavorare sul gruppo al completo: assenze importanti come quella di Rafinha non si possono certo regalare a chicchessia.


“Le prime tre o quattro giornate sono tutte partite contro squadre che hanno fatto i play-off, purtroppo noi arriveremo a recuperare i giocatori mancanti fra un mese, quindi bisogna mettersi il cuore in pace e affrontarle così come siamo in questo momento. Mi aspettavo meglio, probabilmente l’uno-due all’inizio ci ha freddati, poi il terzo gol ci ha stroncato le gambe e in questo momento non abbiamo la forza per far girare dalla nostra parte una partita di questo tipo”.



CLICCA QUI PER GLI HIGHLIGHTS DI OLYMPIA-CESENA



Nella foto: Moufakir in azione contro il Cesena