breaking news

13/06/2024 01:14

La nuova frontiera del futsal è in Kazakhstan: Ferrao e Higuita promessi sposi della 'novità' Semej?

Il Kazakhstan non evoca certo ricordi piacevoli per il futsal italiano, visto i precedenti amari delle edizioni degli Europei di Belgrado e Groninga, in cui gli euro-asiatici ci hanno spedito fuori da quelle rassegne senza fare tanti complimenti. Ma in verità il Kazakhstan viene sempre tirato in ballo ogni qual volta capita di ricordare le gesta del Montesilvano in quello storico Primo Maggio del 2011, quando gli abruzzesi - unici in Italia - sollevarono la coppa continentale più desiderata. Va anche detto che il futsal kazako è conosciuto dalle nostre parti anche per la storia fatta dai record che ha saputo scrivere il Kairat Almaty, la squadra che più di ogni altra ha preso parte alla finali di Champions.


Ma quest’anno probabilmente avremo modo di conoscere il futsal del Kazakhstan attraverso una nuova rappresentante in campo europeo: stiamo parlando del Semej. Vuoi per l’importanza del risultato sportivo che potrebbe ottenere nelle finali della Premier Ligasy, dove sta contendendo proprio a Sua Maestà il Kairat il titolo (1-1 il risultato della serie, il 15 e 16 giugno si giocano gara-3 e gara-4) dopo aver eliminato in semifinale l’Ayat, la seconda forza per club del Paese.


Ma il Semej, oltre ai risultati sul campo, sta facendo parlare di se in questo momento soprattutto per le operazioni di #futsalmercato che i vertici del club dell’ex Semipalatinsk stanno mettendo in piedi. La prima già fa capire di cosa si sta parlando, perchè arrivare ad ottenere il ‘si’ di Leonardo de Melo Vieira Leite, meglio noto con lo pseudonimo di Higuita, lascia comprendere quanto siano credibili i progetti del Semej. Se poi diciamo che da quelle parti potrebbe presto spingersi un certo Ferrao… allora il quadro è completo.


E se di Higuita conosciamo le capacità tra i pali, di Ferrao sappiamo bene che valore ha sotto porta e di chi soprattutto stiamo parlando. Ferrao pronto a cambiare radicalmente il suo percorso agonistico riscrivendolo agli antipodi di quella Barcellona che ne ha esaltato le doti e scolpito la fama di bomber a cinque stelle? Questo starebbe per realizzarsi nelle sperdute steppe kazake, dove alla storia del Kairat se ne sta per imbandire un’altra che ci verrà raccontata chissà per quanti anni.