breaking news
  • 05/12/2021 20:22 Serie A, termina in parità il posticipo di Salsomaggiore: Came Dosson-Feldi Eboli 4-4

24/10/2021 18:08

La rimonta del Polistena si ferma sul più bello: i tre punti, col brivido, sono tutti per l’Olimpus

Blitz dell’Olimpus al PalaBotteghelle di Reggio Calabria, tana del Polistena che, nonostante la sconfitta, ha venduto cara la pelle fino alla sirena conclusiva. Decisive le doppiette di Dimas e Nicolodi, poi Marcelinho trova il gol della sicurezza dopo il tentativo di rimonta dei pianigiani che con Arcidiacone, Minnella e Maluko avevano accorciato dal 4-0 al 4-3. Una sfida tra due neopromosse che garantisce spettacolo fin dalla vigilia. Un solo precedente, in semifinale della scorsa Coppa Italia di A2, e anche in quell’occasione Dimas fu protagonista con un gol, poi il 2-0 di Federico Di Eugenio prima del timbro di Silon nel finale.

Fuori per scelta tecnica Chimanguinho, nel Polistena tutti presenti ad eccezione dello squalificato Diogo (ancora out per infortunio), tra i pali ancora Parisi. Entrambe le compagini arrivano a questo quinto turno con l’intento di riscattare i rispettivi ko subiti nel turno infrasettimanale contro L84 e Syn-Bios Petrarca.

PRIMO TEMPO – È la squadra di Daniele D’Orto a dettare il ritmo alla gara, ma di chiare occasioni da gol non ne arrivano da nessuna delle due parti. Polistena che fatica maggiormente in attacco, con Bagatini sempre a fare ottima guardia su uno scomodo cliente come Ique. Il punteggio si sblocca a 6’38’’ con la discesa a sinistra di Dimas che spedisce direttamente in gol, senza alcuna deviazione, con la presenza “minacciosa” di Grippi sul secondo palo. Il vantaggio dei “Blues” cambia gli equilibri, col Polistena che spinge a caccia del pari, ma Tondi è attento su un paio di conclusioni da fuori dei pianigiani. Si gioca a ritmi alti, le squadre cercano spesso e volentieri la verticalizzazione e si arriva così a 17’10’’ con il raddoppio degli ospiti. Ancora dalla sinistra Dimas fa male al Polistena e chiude per lo 0-2. Rinaldi opta anche per il power-play e va vicino ad accorciare le distanze proprio a fil di sirena. Si innesca una carambola davanti a Tondi ma, tra le proteste dei locali, viene sanzionato un fallo (il sesto) in attacco. Olimpus che potrebbe ampliare ulteriormente il proprio vantaggio con il tiro libero, Marcelinho però spedisce sul fondo a cinque secondi dalla fine.

SECONDO TEMPO – Polistena che rientra con un piglio importante, nonostante lo svantaggio. Vinicius timbra la traversa da ottima posizione e sul ribaltamento di fronte Nicolodi fa 3-0 in contropiede. Bianconeri che accusano il colpo ed ancora Nicolodi, trentuno secondi dopo, finalizza una nuova ripartenza per il poker dei suoi. Sul punteggio di 4-0 il match sembra in discesa per l’Olimpus, ma il Polistena è tutt’altro che arreso. Arcidiacone (terzo centro stagionale per lui) la riapre, superando Tondi dopo l’ottimo pallone messo in mezzo da Creaco. La botta di Minnella (primo centro in A) dimezza lo svantaggio dei calabresi che ora ci credono ancora di più e, ventidue secondi dopo, accorciano ulteriormente con Maluko, anche lui puntualissimo sul secondo palo. Sul 3-4 sale forte l’urlo di incitamento dei tifosi del PalaBotteghelle, alla metà esatta della ripresa.  

Gara riaperta e lo spettacolo previsto si concretizza. Polistena che ci crede, anche grazie al power-play di Rinaldi, motivo tattico per cui i bianconeri sono rientrati in partita. Ma è ancora una ripartenza rapidissima a costare caro: Marcelinho chiude in gol e rimette l’Olimpus a distanza di sicurezza. Polistena che prova a gettare il cuore oltre l’ostacolo, ma gli avversari non cedono e finisco per esultare alla sirena conclusiva, centrando la seconda vittoria stagionale, sofferta, ma certamente meritata.

CORMAR POLISTENA-OLIMPUS ROMA 3-5 (pt 0-2)
CORMAR POLISTENA: Multari, Arcidiacone, Eric, Ique, Creaco, Parisi, Martino, Maluko, Juninho, Prestileo, Vinicus, Minnella. All. Rinaldi.
OLIMPUS ROMA: Tres, Achilli, Jorginho, Pedrinho, Giammarile, Ducci, Bagatini, Marcelinho, Grippi, Nicolodi, Tondi, Di Eugenio, Dimas, Schininà. All. D’Orto.
ARBITRI: Carone di Bari e Andolfo di Ercolano. Crono: Cefalà di Lamezia Terme.
MARCATORI: pt 6’38’’ e 17’10’’ Dimas (O); st 2’42’’ e 3’13’’ Nicolodi (O), 7’38’’ Arcidiacone (P), 9’35’’ Minnella (P), 9’57’’ Maluko (P), 16’51’’ Marcelinho (O).
NOTE: ammoniti Creaco (P), Jorginho (O), Grippi (O), Di Eugenio (O), Dimas (O), Schininà (O).
 

Fabrizio Cantarella

Foto: EM