breaking news

20/03/2021 11:46

La Unina Flegrea non ci sta e alza la voce: ''Eravamo pronti a ripartire, è una discriminazione''

Riceviamo e pubblichiamo una nota stampa dell’Unina Flegrea, società facente parte dell’organico del campionato regionale di Serie C1 maschile della Campania, regione dove, al momento, non è prevista la ripartenza non essendo stato raggiunto il numero minimo di adesioni (otto) previsto dalle linee guida enunciate dal presidente della FIGC, Gabriele Gravina.


Eravamo pronti a ripartire. Abbiamo regolarmente comunicato la nostra adesione al Comitato. Stavamo riaccendendo la fiammella della speranza nei cuori dei nostri tantissimi giovani tesserati e sostenitori. 


Poi una decisione incomprensibile dei vertici della Figc non lo permette, penalizzando chi, con enormi sacrifici economici e gestionali, si era attrezzato in tutta sicurezza ai nuovi protocolli. 


Oggi è stata negata la possibilità di fare attività ad una società della Figc, nello stesso momento in cui a tante altre di pari livello, solo in altre regioni, ciò è concesso. 


Ci chiediamo perché dobbiamo subire una discriminazione, eravamo forse stati troppo efficienti? Vogliamo avere le stesse possibilità ed occasioni sportive delle altre affiliate LND di nostro pari livello. 


Non pensiamo di chiedere la luna, soltanto un'equità sportiva. Si tutela, giustamente, chi non se la sente di continuare, penalizzando chi invece è pronto a farlo? Una discriminazione assurda. 


Ai nostri diciamo che chiederemo conto dei danni nelle sedi opportune e ci dispiace enormemente di non aver potuto accendere quella fiammella di speranza di cui sentivamo la necessità.


Cordiali saluti e buon lavoro,



Ufficio stampa Unina Futsal Flegrea”