Moya racconta il rammarico della Domus Bresso: "Peccato, abbiamo quasi sempre dettato ritmo e gioco"

Sabato scorso la Domus Bresso è stata respinta 6-3 dall’importante sfida salvezza in casa contro l’Alto Vicentino e scivola al penultimo posto. Sfida che dopo l’iniziale 2-0 vicentino vedeva i bressesi ribaltare il risultato sul 3-2 a cavallo dei due tempi con la doppietta di Moya e il gol di Previtera. Poi gli ospiti contro sorpassavano sul 4-3. Nel finale la Domus provava a recuperarla col quinto attaccante ma subiva altre 2 reti.


- La sconfitta contro l’Alto Vicentino è meritata oppure ci sono rimpianti?


“E’ stato un vero peccato aver perso – è il commento di Lucas Moya - il ritmo e anche il gioco li abbiamo dettati quasi sempre noi, mentre loro hanno approfittato di un paio di situazioni favorevoli e hanno vinto. Noi purtroppo non lo abbiamo fatto e abbiamo perso".


- Cosa è mancato per ottenere un risultato positivo?


“Dobbiamo stare più attenti, questa categoria lo richiede, e se fino adesso non abbiamo ottenuto più punti in classifica è perché non siamo riusciti a stare attenti per tutta la durata delle gare e abbiamo regalato troppo. Per questo dobbiamo crescere come società, come staff e come squadra, prendendo consapevolezza della Serie A2".


- Come vedi la prossima gara contro La Fenice?


“Sarà come una finale, una gara molto dura e combattuta. Per questo dobbiamo lavorare bene in settimana per portare i 3 punti di casa, ma sappiamo che non sarà per niente facile".


Rinaldo Badini