Una vittoria da ''montagne russe'': Borruto morde alla sua maniera, l'Italservice espugna Policoro

Succede di tutto al PalaErcole ma alla fine l’Italservice Pesaro esulta e centra la seconda vittoria stagionale. I biancorossi passano 5-4 contro una mai doma CMB Matera, volando così a punteggio pieno e in vetta alla classifica di Serie A. Riavvolgendo il nastro, la squadra di mister Fulvio Colini è salita su delle vere e proprie montagne russe. I lucani hanno venduto cara la pelle, rimontando più volte e passando anche in vantaggio durante il match.

LA CRONACA - La gara però viene sbloccata dopo 4″ dal “Cobra” Borruto. Cesaroni pareggia e capitan Tonidandel ristabilisce il vantaggio poco dopo. Borruto fa doppietta ma prima dell’intervallo arrivano le marcature di Pulvirenti e poi di Hrkac un attimo prima della sirena.

I ritmi non calano nella ripresa. Matera passa per la prima volta in vantaggio con Santos ma dura poco perché Taborda inventa per Canal che riporta il parziale in parità. La rete decisiva del 5-4 è un autogol di Hrkac propiziato da una bella giocata del tandem Borruto-De Oliveira.

Mister Lorenzo Nitti si gioca la carta del power-play ma Pesaro regge e può esultare: e questa volta torna col massimo bottino dalla Basilicata, che si è confermata terra più che insidiosa.

Non c’è tempo però per riposare, sabato l’Italservice riabbraccerà i suoi tifosi al PalaFiera di Pesaro, in una gara che si presenta da sola: Italservice-Meta Catania (ore 15), remake della finalissima scudetto dello scorso giugno. Ci sarà bisogno di tutta la spinta della tifoseria biancorossa per continuare a cavalcare le montagne russe della Serie A.


OPIFICIO 4.0 CMB-ITALSERVICE PESARO 4-5 (pt 3-3)

OPIFICIO 4.0 CMB MATERA: Weber, Josete, Stazzone, Pulvirenti, Santos, Perrucci, Braga, Leitao, Hrkac, Arvonio, Cesaroni, Oitomeia, Di Pietro, Nucera. All. Nitti

ITALSERVICE PESARO: Espindola, Borea, Mariani, Tonidandel, Fortini, Salas, Honorio, Borruto, Canal, Taborda. De Oliveira, De Luca, Del Grosso, Miarelli. All. Colini

ARBITRI: Nicola Maria Manzione (Salerno), Martina Piccolo (Padova), crono: Saverio Carone (Bari)

MARCATORI: pt 00'04'' Borruto (IP), 7'40'' Cesaroni (CMB), 8'16'' Tonidandel (IP), 14'24'' Borruto (IP), 14'37'' Pulvirenti (CMB), 19'59'' Hrkac (CMB), st 1' 49'' Santos (CMB), 4'53'' Canal (IP), 14'41'' autogol Hrkac (IP)

NOTE: ammoniti Oitomeia (CMB), Arvonio (CMB), Honorio (IP), Salas (IP) e Borea (IP)