Olimpus, ma quale U.19? Ceccarelli: "Essere trattati come una prima squadra ha fatto la differenza"

Sulla vittoriosa finale Scudetto Under 19 dell'Olimpus Roma la firma ce l'ha messa pure Tommaso Ceccarelli, autore nella ripresa della rete del sorpasso che sommata poi al successivo autogol di Gattarelli ha permesso ai giovani Blues di ribaltare il Lecco e salire sul tetto d'Italia con tanto di double. Dopo la premiazione siamo scesi sul parquet del PalaCattani per avere dal gioiellino classe 2007 le sue impressioni sul match.

- Avete chiuso il primo tempo in svantaggio, poi l'avete ribaltata nel secondo: qual è stata la chiave per compiere questo sorpasso?

“Credo che ci siamo preparati tutto l’anno per partite del genere, quindi, pur andando sotto di un gol, siamo rimasti calmi, sapevamo di poterla ribaltare in qualsiasi momento e tutto il lavoro fatto durante l’anno, la costanza, l’impegno da parte di tutti, l’unione penso siano stati i valori fondamentali per vincere questa partita”.

- Durante questa stagione mister Reali come vi ha aiutato? Quali sono stati i concetti principali che vi ha trasmesso per indirizzarvi questo doppio grande traguardo?

“Intanto al mister e a tutto lo staff va assolutamente un ringraziamento perché ci hanno messo a disposizione tutte le loro qualità, l’impianto. Il mister ci ha trattato come una prima squadra quindi per questo è da ringraziare; penso che abbiamo ripagato l’impegno di tutta la società perché ci puntava. Quello che mi porto dietro a livello tattico e tecnico è la mentalità; abbiamo ragionato come una squadra di Serie A, allenandosi con certi giocatori si impara a giocare e a vedere il gioco come loro, quindi penso che questa sia la cosa migliore, che ha fatto la differenza”.


Lorenzo Miotto




Foto: Divisione Calcio a 5